La quota include: Nave da Livorno – Olbia – Livorno, passaggio ponte e auto fino a 5 mt Pensione completa con acqua e vino ai past Tessera club inclusa ove indicato Tasse portuali Polizza medico, bagaglio ed assistenza al cliente Soggiorno di 7 notti Non incluso nel prezzo:  Quota d’iscrizione ad adulti da 12 anni compiuti in su di €30 Quota d’iscrizione a bambino di €15 Tasse portuali €105 Supplemento alta stagione dal 2 agosto sera a tutto  21 agosto €150 a nucleo famiglia Eventuale polizza facoltativa contro annullamento da richiedere al momento della prenotazione. ( Calcolato sul costo base e le tasse 4%).  Sono escluse le quote d’iscrizione e fee agenzia sempre dovute 

28 MAGGIO 2020 GERMANIA: BERLINO AEROPORTO DI TEGEL – CHIUSO DAL 15 GIUGNO PER ALMENO 2 MESI L’aeroporto di Berlino Tegel chiuderà dal prossimo 15 giugno per almeno due mesi. Tegel era l’aeroporto con più traffico passeggeri tra gli aeroporti della città ed era già prevista la sua chiusura in previsione dell’apertura del nuovo aeroporto Berlin Brandenburg. In attesa dell’apertura ufficiale dell’aeroporto Berlin Brandenburg, dal 15 giugno tutti i voli verranno operati da/per l’aeroporto di Schonefeld che è situato a circa 23 km dal centro di Berlino ed è collegato con un servizio di metropolitana – S-BAHN – in partenza dalla Stazione Centrale e altre stazioni del centro città, tempo di percorrenza 28 minuti. La FBB – Società che gestisce gli aeroporti di Berlino – si dice confidente che l’aeroporto Berlin Brandenburg aprirà presto e pertanto ritiene che l’aeroporto di Tegel possa non riaprire. Il team Uvet Global Business Travel è a vostra disposizione per ulteriori chiarimenti.

 SPOSTAMENTI TRA REGIONI – QUALCHE INFORMAZIONE UTILE EU Area Schengen: dal 3 giugno non sono più sottoposte alla quarantena di 14 giorni le persone che entrano o rientrano da Stati dell’area Schengen: 26 Paesi che coprono quasi tutta l’Unione europea, più altri tra i quali Svizzera e Islanda. Qui tutte informazioni sulle riaperture negli stati Europei: 👉 https://reopen.europa.eu/it REGIONE LAZIO Chi arriverà nel Lazio e sarà trovato con una temperatura superiore ai 37,5 gradi sarà sottoposto a tampone obbligatorio nelle strutture della Regione e in attesa dei risultati dovrà rimanere presso il proprio domicilio. REGIONE PUGLIA Chi arriva in Puglia da oggi non potrà più farlo in forma anonima: ci sarà l’obbligo di segnalarsi compilando un modello che disponibile sul sito della Regione Puglia (https://limesurvey.istsvc.regione.puglia.it/index.p…/119341…), e dichiarando il luogo di provenienza ed il comune in cui si soggiorna. Per chi arriva in Puglia c’è anche l’obbligo di conservare «per un periodo di trenta giorni l’elenco dei luoghi visitati e delle persone incontrate durante il soggiorno». REGIONE SARDEGNA I turisti potranno arrivare in Sardegna, via nave o aereo, senza «passaporti sanitari», certificati di negatività o test. Sarà chiesto di misurarsi la temperatura prima di salire in nave o in aereo. Chi arriva dovrà però obbligatoriamente registrarsi e compilare un questionario online https://sus.regione.sardegna.it/sus/covid19/regimbarco/init Oppure scaricare l’applicazione SardegnaSicura dagli store IOS e Android. https://www.regione.sardegna.it/j/v/2834… REGIONE CAMPANIA La Campania conserva i controlli alle stazioni, in aeroporto e agli imbarchi. I concessionari di servizi di trasporto aereo, ferroviario e di lunga percorrenza su gomma dovranno acquisire i nomi dei viaggiatori con destinazione nel territorio. I viaggiatori in arrivo all’aeroporto di Napoli Capodichino e alle stazioni ferroviarie di Napoli, Afragola, Benevento, Caserta, Salerno, Aversa, Battipaglia, Capaccio-Paestum, Agropoli, Vallo della Lucania e Sapri con treni interregionali dovranno sottoporsi alla rilevazione della temperatura corporea e, in caso di temperatura pari o superiore a 37,5°C, a test rapido ed eventuale tampone. Chi, una volta arrivato, dovesse poi avere sintomi compatibili con il covid, dovrà «avvertire la Asl competente e il proprio medico». Per le isole del Golfo l’ordinanza mantiene, per chi viene da fuori regione o dall’estero, «l’obbligo di imbarcarsi con traghetti di linea — vietati i mezzi da diporto privati — dalle sole stazioni di Napoli Porto di Massa e Pozzuoli; della prenotazione online almeno 24 ore prima della partenza» e «di presentarsi all’imbarco almeno un’ora prima» per consentire i controlli. Per i residenti in Campania invece ok traghetti e aliscafi dalle stazioni di Napoli Porta di Massa, Beverello, Pozzuoli, Castellammare di Stabia e Sorrento. REGIONE SICILIA Fino a fine settembre, registrazione online obbligatoria per i non residenti nell’Isola. Pubblicato il Protocollo sanitario “SiciliaSiCura” contenuto nell’ordinanza emanata in data 6 giugno dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci. I viaggiatori in arrivo dovranno o scaricare l’app Sicilia SiCura o registrarsi al sito https://siciliasicura.costruiresalute.it/welcome Attraverso la app in caso di febbre il turista dovrà comunicare il proprio stato di salute per poi essere ricontattato dai medici dell’Asp territoriale. REGIONE VENETO In Veneto mascherina obbligatoria solo nei luoghi chiusi, mentre all’esterno è prevista solo in luoghi affollati e in tutte le occasioni in cui non si riesca ad attuare il distanziamento. REGIONE LIGURIA Non ci sono regole particolari o restrizioni all’arrivo per chi voglia andare in Liguria: valgono le prescrizioni nazionali. Con una temperatura sopra i 37,5, ad esempio, non si può viaggiare, come stabilito dal governo. REGIONE EMILIA ROMAGNA In Emilia-Romagna non ci sono restrizioni all’arrivo o tracciamenti particolari (fatte salve le prescrizioni generali: con una temperatura sopra i 37,5, ad esempio, non si può viaggiare). Alle terme e nelle aree comuni occorrerà stare con la mascherina; occorre mantenere il distanziamento sociale se non si è dello stesso nucleo familiare; va mantenuta la distanza interpersonale di almeno un metro tra persone non appartenenti allo stesso nucleo familiare o conviventi; in spiaggia sdraio e lettini saranno disposti a distanza di almeno 1,5 metri l’uno dall’altro. Nel caso di ombrelloni è richiesta una superficie minima ad ombrellone di 12 metri quadrati a paletto. Potrà essere rilevata la temperatura e vietato l’ingresso se sarà superiore a 37,5. REGIONE TOSCANA Non ci sono regole particolari o restrizioni all’arrivo in Toscana: valgono le prescrizioni nazionali. Con una temperatura sopra i 37,5, ad esempio, non si può viaggiare , come stabilito dal governo. REGIONE CALABRIA Dal 3 giugno chi arriva in Calabria avrà l’obbligo di autosegnalarsi ma non più di fare la quarantena domiciliare. Lo stabilisce un’ordinanza, la 49, firmata oggi dal Presidente della Giunta regionale della Regione Jole Santelli. Cessano di avere effetto tutte le misure limitative relative agli spostamenti interregionali. Le persone che arriveranno in Calabria, anche per soggiornarvi temporaneamente, dovranno registrarsi prima del proprio arrivo, attraverso il portale www.rcovid19.it, indicando luogo di provenienza, luogo di destinazione principale, periodo di soggiorno, impegnandosi a comunicare al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale territorialmente competente eventuale comparsa di sintomi COVID-19. Resta fermo il divieto di ingresso e spostamento alle persone sottoposte alla misura dell’isolamento domiciliare per provvedimento dell’Autorità Sanitaria risultate positive al SARS-CoV-2/COVID-19. https://www.regione.calabria.it/…/portaltemp…/view/view.cfm… REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE Non ci sono limitazioni o controlli particolari, salvo il controllo della temperatura (effettuato su treni e aerei in arrivo, e possibile lungo le strade). Sarà però necessario indossare la mascherina all’aperto, almeno fino al 14 giugno, in provincia di Trento. REGIONE BASILICATA Per contrastare il diffondersi dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 – prevede l’ordinanza – tutte le persone, anche se asintomatiche, “che fanno ingresso o si trasferiscono anche temporaneamente nel territorio regionale della Regione Basilicata, tramite qualsiasi mezzo di trasporto pubblico o privato”, sono tenute a comunicarlo al proprio medico curante, al pediatra se minore, o al numero verde 800996688, appositamente istituito dalla Regione, “indicando luogo di provenienza, luogo di destinazione principale, periodo di soggiorno e recapiti telefonici”. A loro volta, il medico o l’operatore del numero verde contattati “sulla base delle comunicazioni ricevute, informano l’autorità sanitaria competente, che proporrà l’esecuzione del tampone rino-faringeo per Sars-Cov-2”, seguendo le indicazioni date dalla direzione generale della prevenzione sanitaria e dal Consiglio superiore della sanità del Ministero della salute. **COMUNQUE CONSIGLIAMO I GENTILI VIAGGIATORI DI VERIFICARE CONTINUAMENTE  IL SITO DELLA REGIONE DI DESTINAZIONE, PERCHE’ POTREBBERO ESSERE AGGIORNAMENTI DOPO LA PUBBLICAZIONE DI QUESTO ARTICOLO!!.  OGNI GIORNO CI SONO NOVITA’**

Vi informiamo che la Commissione Europea ha lanciato un sito web completo sulla revoca delle restrizioni ai viaggi e alle frontiere (disponibile in tutte le lingue dell’UE): https://reopen.europa.eu/it/ Esso Contiene informazioni su: Restrizioni alla circolazione all’interno del Paese Restrizioni di ingresso da altri paesi europei Ingresso in auto, treno, etc Restrizioni di ingresso da paesi extra UE Requisiti di quarantena / certificati medici Apertura di negozi, luoghi turistici, ecc. Organizzazione di tour organizzati in pullman “a porte chiuse” Aree a rischio Requisiti di maschera / distanza sociale Protocolli di salute e sicurezza per i servizi turistici (incluso il trasporto pubblico) App di tracciamento dei con nuovo sito della Commissione Europea , disponibile in tutte le lingue della comunità, con tutti gli aggiornamenti in tema di restrizioni Il team Uvet Global Business Travel è a vostra disposizione per ulteriori chiarimenti.

12 GIUGNO 2020 ITALIA: MILANO AEROPORTO DI MALPENSA – DAL 15 GIUGNO RIAPRE IL TERMINAL 1   Lunedì 15 giugno torna operativo il TERMINAL 1 di Milano Malpensa, con contestuale CHIUSURA del TERMINAL 2. L’attuale numero dei passeggeri, previsti in crescita nelle prossime settimane, non rende più idonei gli spazi interni al terminal 2 per garantire un’efficace applicazione delle norme di sicurezza che prevedono il distanziamento sociale di almeno un metro fra i passeggeri. Il terminal 1 di Malpensa sarà operativo, nel pieno rispetto della normativa sanitaria per i passeggeri e per gli operatori aeroportuali. A Malpensa TERMINAL 1 sono state introdotte nuove modalità di accesso al terminal, nonché percorsi ad hoc per disciplinare il flusso dei passeggeri e rendere la permanenza in aeroporto la più sicura possibile. All’ingresso dell’aerostazione verranno effettuati i controlli della temperatura corporea attraverso termo scanner. I check-point saranno previsti presso l’ingresso 13 e 19 del pian partenze del terminal 1. Agli arrivi del terminal 1, invece, i controlli vengono effettuati alla porta 2 e 7 e al piano -1 per chi arriva dai parcheggi multipiano e dalla stazione ferroviaria. Nel caso in cui il dispositivo rilevasse sintomi febbrili superiori ai 37 e mezzo, è previsto l’invito a sottoporsi a un controllo medico. L’uscita dal terminal sarà consentita a livello partenze dalle porte 16 e 17 ed a livello arrivi dalle porte 4 e 8. All’interno dell’aerostazione, tutti i passeggeri dovranno indossare i dispositivi di protezione individuale e sarà obbligatorio il rispetto del distanziamento sociale e di tutte le regole comportamentali per evitare il più possibile il contagio. Queste misure si aggiungono a tutte le altre iniziative già adottate dalla società di gestione per garantire il massimo della sicurezza da un punto di vista igienico e sanitario. Verranno effettuate attività di sanificazione dell’intero perimetro aeroportuale, sia nelle aree interne (banchi check-in, metal detector, contenitori porta oggetti, sedute d’attesa, corrimano delle scale mobili, toilette e ascensori) sia, secondo necessità, in quelle esterne. Sono stati installati oltre 250 dispenser di gel igienizzante.   Il team Uvet Global Business Travel è a vostra disposizione per ulteriori chiarimenti. 

TRENITALIA INFORMA: Con l’avvio della Fase 2, continua il nostro impegno per garantire il massimo livello di tutela della salute, nel rispetto delle disposizioni vigenti per evitare la diffusione del virus e a prevenire ulteriori occasioni di contagio. Nelle stazioni, alcune delle quali dotate di termoscanner per rilevare la temperatura dei viaggiatori, saranno disponibili appositi dispenser con gel disinfettante per mani e ci saranno addetti e segnaletica dedicata per assicurare il rispetto delle norme e il distanziamento sociale. In tutte le biglietterie, saranno effettuati cicli sempre più intensi di pulizia e sanificazione e le self-service, anche esse costantemente sanificate, saranno attive in modalità alternata. A bordo di tutti i nostri treni, Frecce, Intercity e Regionali, la tutela della tua salute è garantita da frequenti operazioni di igienizzazione e sanificazione che prevedono l’utilizzo di atomizzatori e nebulizzatori di ultima generazione e dall’installazione, su ogni convoglio, di dispenser di gel igienizzante per mani. Per il mantenimento della distanza sociale abbiamo avviato tutte le attività necessarie per far trovare su ogni treno apposita segnaletica a terra e sulle porte, così da identificare i percorsi e favorire una corretta gestione dei flussi in ingresso e in uscita; identificheremo i sedili non utilizzabili per un’occupazione “a scacchiera” dei posti che per Frecce ed Intercity saranno assegnati in automatico; doteremo tutto il personale di bordo di guanti monouso e mascherine. Perché l’attuale fase di emergenza possa essere superata è necessario l’impegno da parte di tutti. Siamo certi del comune senso di responsabilità e della scrupolosa osservanza di tutte le prescrizioni e cautele previste, disponibili sul nostro sito web trenitalia.com, monitor, locandine a bordo treno e self service. Ricorda, inoltre, ai tuoi Clienti di utilizzare la mascherina e igienizzare spesso le mani utilizzando gli appositi dispenser installati su tutti i nostri treni. Ripartiamo insieme… #RiparTIAMOItalia